AREE DI INTERVENTO

PRINCIPALI AREE DI INTERVENTO

Coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica

Nietzsche

 

 

Disturbi d’ansia

 

 

• Disturbo d’ansia da separazione

• Mutismo selettivo

• Fobia specifica

• Disturbo d’ansia sociale

• Disturbo di panico

• Agorafobia

• Disturbo d’ansia generalizzato

• Disturbo d’ansia da condizione medica

• Altro Disturbo d’ansia specifico

• Disturbo d’ansia non altrimenti specificato

 

Ciò che accomuna i disturbi sopra elencati è un ‘ intensa angoscia che un individuo prova al timore di un’ altro essere vivente, di una situazione o di un oggetto. Tale paura , che può crescere fino al panico, è accompagnata da sgradevoli sensazioni fisiche e mentali aggravate da un sentire emotivo di vulnerabilità difficile da accettare da chi ne fa esperienza. L’ evitamento di stimoli potenzialmente pericolosi sembra essere l’unica soluzione che porta però, molto spesso, l’ individuo ad isolarsi.

 

Disturbi ossessivo-compulsivi ed altri disturbi ad esso correlati

 

• Disturbo ossessivo-compulsivo

• Disturbo da dismorfismo corporeo

• Accaparramento compulsivo

• Tricotrillomania

• Escoriazioni

• Disturbo ossessivo-compulsivo indotto da sostanze o a seguito di condizione medica

• altri specificati/non specificati distubi ossessivo-compulsivi e correlati

 

È un disturbo che si cronicizza, anche se con fasi altalenanti di miglioramento e di peggioramento, ma a volte si aggrava fino a compromettere il funzionamento in diverse aree di vita.

L’ individuo è come se sentisse un obbligo ad agire o pensare azioni in maniera ripetitiva e per questo cerca di contrapporsi e di resistere. Nonostante cerchi di contrastare i suoi pensieri e nascondere le sue azioni, questo sforzo non lo aiuta affatto a modificare il proprio comportamento generando in lui pesanti vissuti d’ ansia.

 

Disturbi alimentari

 

• Disturbo da ruminazione

• Disturbo evitante/restrittivo dell’ assunzione di cibo

• Anoressia nervosa

• Bulimia nervosa

• Disturbo da binge eating ( abbuffate )

• Disturbo della nutrizione o dell’ alimentazione con o senza specificazione

 

 

La caratteristica principale dei disturbi più frequenti come l’ Anoressia , la Bulimia o il Binge , è l’ iper valutazione per il proprio peso e per l’ aspetto corporeo. Questo genere di preccupazioni hanno una ripercussione sulla vita sociale e relazionale dell’ individuo e non di rado sono accompagnate da profonde sensazioni di inadeguatezza e da vissuti emotivi basati sull’ oscillazione tra controllo e discontrollo nell’ assunzione del cibo. Molto spesso, a tutto ciò, si accompagnano sintomi ansiosi e/o depressivi.

 

 

Chirurgia Bariatrica

La chirurgia bariatrica (o chirurgia dell’obesità) è quella branca della chirurgia che si occupa del trattamento chirurgico dei pazienti affetti da obesità. Nasce in Italia verso la metà degli anni ’70. Recenti studi dimostrano che si osserva nei pazienti operati una minore incidenza di cancro (2.0 vs 8.49%), una minore incidenza di accidenti cardiovascolari (4.73 vs 26.69%) ed una minore incidenza di disturbi endocrinologici (9.47 vs 27.25%), muscoloscheletrici (4,83 vs 11,90%), psichiatrici (4,35 vs 8,20%) e respiratori (2,71 vs 11,36%), con un conseguente miglioramento della qualità della vita.

Come si colloca il legame con la Psicologia? In tutto il percorso di chirurgia bariatrica, affinchè vi sia un buon esito dello stesso, sembrano essere utili i colloqui psicologici. La presa in carico avviene sin dalla richiesta spontanea di perdere peso attraverso un intervento allo stomaco che possa accelerarne il processo e si ha ragione di credere che, individuare eventuali elementi di rischio possa fornire la base per la programmazione di trattamenti mirati pre-operatori e post-operatori, al fine di migliorare la risposta finale della persona anche nel lungo termine. La persona obesa che intraprende tale percorso, può raggiungere delle modificazioni significative nelle specifiche attitudini psicologiche e comportamentali. Obiettivo principale sarà accompagnare la persona a sperimentare la riappropriazione dei significati personali che sottendono le condotte alimentari, riformulando il suo modo unico di costruirli e legarli ai vissuti emotivi, rafforzando l’ autosservazione e la consapevolezza del futuro cambiamento fisico.

 

Disturbi di personalità

 

• Disturbo di personalità paranoide

• Disturbo di personalità schizoide

• Disturbo di personalità schizotipico

 

Questo cluster di disturbi, caratterizzato da un pensiero distorto, descrive un significativo disagio negli ambienti sociali con un conseguente ritiro dagli stessi.

 

• Disturbo di personalità border

• Disturbo di personalità narcisistico

• Disturbo di personalità istrionico

• Disturbo di personalità antisociale

 

Condotte di comportamento drammatiche, emotive o disregolate sono riscontrabili negli individui descritti secondo questo cluster di disturbi che condividono una marcata difficoltà nel controllo degli impulsi.

 

• Disturbo di personalità evitante

• Disturbo di personalità dipendente

• Disturbo di personalità ossessivo

 

Questi disturbi si caratterizzano soprattutto per alti livelli di ansia, inibizione sociale, sentimenti d’inadeguatezza e un’ipersensibilità alle valutazioni negative.

 

• altri specificati/non specificati distubi di personalità e correlati

 

Disturbo Depressivo

 

• Disturbo depressivo maggiore

• Disturbo distimico

• Episodio depressivo maggiore

• Disturbo depressivo non altrimenti specificato

 

Solitudine ed inadeguatezza nelle relazioni interpersonali possono essere al centro della vita di un individuo il quale, avverte un senso di impotenza , come se ” non ci fosse via d’ uscita”. Generalmente il fallimento e il poco valore personale fanno da cornice ad un mondo emotivo interiore sentito come catastrofico, buio.

Altre volte invece l’ individuo si sente come “in balia di una giostra” in cui sale e scende vivendo vere e proprie oscillazioni del tono dell’ umore.

 

 

Disturbi del tono dell’umore

 

Disturbi bipolari

 

Stress

lavorativi

familiari

relazionali

Disturbi psicosomatici

 

Disturbi del sonno

 

Dipendenze

 

Gioco d’azzardo patologico

Separazioni

 

Lutti

 

Dipendenza Affettiva

 

Problemi di autostima

Copyright ©2017 All Rights Reserved Maria Chiara Grasso P.I. 03614920928